I soldi nel destino

Per un miglior godimento del post, premi il tasto play e attacca la musica

Photo: Francesco Giannotti
Photo: Francesco Giannotti

Alessandro

Mannarino

Soldi

Giornalista cane partorisce cuccioli di anatra

Per un miglior godimento del post, premi il tasto play e attacca la musica

cucciolo-di-anatra

Ieri sul sito del Fatto Quotidiano TV ho visto un articoletto che mi ha fatto ricordare “Studio Aperto” di Italia 1 che ero costretto a sorbirmi ogni giorno al ristorante dove andavo a mangiare fino a poco tempo fa. Là non mancava mai il servizio sul cane o sul gatto o qualsiasi altro animale. Mi sono incuriosito per vedere fino a che punto fosse caduto in basso il Fatto quotidiano.
Ho visto poi che un senso ce l’aveva. La notizia era basata sulla risposta che Lega britannica per la protezione dei volatili aveva dato in seguiti alla segnalazione di alcuni anatroccoli caduti in un tombino.

Prima lo starnazzio di mamma anatra, poi, capita la situazione, la telefonata alla Rspb, una sorta di Lega britannica per la protezione dei volatili e la risposta che non ti aspetti: “Lasciamo che la natura faccia il suo corso”. Ma Gary Bartoszewski non ci sta a vedere una decina di anatroccoli morire nelle fogne, per giunta nel parcheggio di un centro commerciale del Doncaster in Gran Bretagna. Così aguzza l’ingegno e grazie a un retino da pesca per bambini restituisce i cuccioli alla madre. Inutile dire che il video è diventato un caso in Rete.  (Vai alla fonte)

La cosa più sconvolgente è il titolo che il giornalista o pseudo tale ha dato all’articoletto:

Cuccioli di anatra cadono in un tombino: un uomo li salva grazie a retino da pesca

Elio

E Le Storie Tese

Nella Vecchia Azienda Agricola

Bambina

Per un miglior godimento del post, premi il tasto play e attacca la musica

Ieri mattina sostavo in un parcheggio e aspettavo mia moglie. In corrispondenza del posto auto c’è uno di quei tabelloni sui quali vengono affissi dei manifesti, nel caso specifico manifesti di defunti.

Dando uno sguardo a questi manifesti ho letto il nome di una donna 93enne che mi ha sorpreso.

Il nome è Bambina. Non sapevo che esistesse un nome di persona del genere. Poi informandomi ho visto che in passato si usava, anche se non era frequente.

Ho pensato che essere chiamata Bambina per tutta una vita, peraltro lunga, potrebbe non essere il massimo, ma allo stesso tempo potrebbe essere una spinta a restare tale. Poi mi è venuto in mente che qualcuno ha chiamato i figli Chanel e Nathan Falco e ho pensato che a Bambina è andata molto meglio.

La très illustre compagnie du Chat Noir

Le Sort